Parotite

LA MALATTIA E’ una infezione acuta virale che coinvolge soprattutto bambini in età scolare e adolescenti.
Si trasmette direttamente da persona a persona attraverso il contatto con le secrezioni respiratorie e le goccioline di saliva, soprattutto durante l’inverno e la primavera.
Si presenta nella maggior parte dei casi con tumefazione e dolore che colpisce soprattutto la ghiandola parotide e le ghiandole salivari , da uno o da entrambi i lati del volto (orecchioni).
La malattia può presentare alcune importanti complicazioni come la meningite, la pancreatite e l’orchite: infiammazione del testicolo occasionalmente osservata nell’adolescente e nell’adulto che in rari casi può portare a sterilità ma in nessun caso ad impotenza.
LA VACCINAZIONE La vaccinazione è offerta gratuitamente a tutti i nuovi nati, viene eseguita sottocute in unica somministrazione, in associazione al vaccino contro il morbillo e la rosolia (Vaccino MPR), anche se l'immunità conferita è inferiore a quelli degli altri due vaccini. 
E’ raccomandata una seconda dose di vaccino per assicurare un' adeguata risposta anticorpale. L’intervallo minimo tra una vaccinazione e l’altra è di quattro settimane e l’età in cui è opportuno effettuare la vaccinazione è indicata nel Calendario Vaccinale.
Il vaccino contro la parotite determina nel ricevente un'infezione asintomatica, che non può trasmettersi per contatto.
E’ costituito da virus vivi attenuati, innocui, ma in grado di stimolare le difese naturali dell’organismo.
In Italia non esiste in commercio un vaccino composto unicamente dal solo virus della parotite ma solo in associazione con il vaccino contro la rosolia e contro il morbillo. 

Negli adulti la vaccinazione è raccomandata in alcune particolari categorie a rischio:
  • La vaccinazione contro la parotite, in associazione al vaccino contro il morbillo e la rosolia (MPR), è attivamente proposta e offerta gratuitamente nelle donne in età fertile 
  • I viaggiatori che si recano in paesi ad elevata endemia 
  • Personale che lavora a diretto contatto con bambini 
  • Operatori sanitari che lavorano nelle strutture sanitarie che hanno un alto rischio di esposizione alla parotite  
CONTROINDICAZIONI
E PRECAUZIONI 
Controindicazioni specifiche vaccino MPR: 
  • Anafilassi al vaccino, alla gelatina o alla neomicina  
  • Gravidanza 
  • Immunodeficienza primitiva e secondaria (esclusa l’infezione da HIV)
Precauzioni specifiche vaccino MPR:
  • Recente somministrazione di Ig o derivati del sangue
  • Trombocitopenia e storia di trombocitopenia
  • Anafilassi o asma cronica grave in soggetti allergici alle proteine dell’uovo 

INDIETRO