Infezioni invasive da Pneumococco

LA MALATTIA La malattia è provocata dallo Streptococco Pneumoniae. Si distinguono numerosi tipi di Pneumococco a seconda della struttura della capsula polisaccaridica.
Il maggior numero di casi di malattia è provocato dai 23 sierotipi che sono contenuti nel vaccino a disposizione. Nel bambino l’infezione pneumococcica è la causa principale di casi di otite media acuta.

Le forme invasive della malattia possono provocare infezioni gravi come la meningite, la batteriemia, la polmonite che possono avere esito letale. La malattia è particolarmente temibile per il fenomeno della antibiotico resistenza che rende difficile una adeguata terapia.
Lo Pneumococco è ubiquitario. Molti soggetti sono portatori a livello delle alte vie respiratorie. L’infezione è facilitata da infezioni virali delle alte vie aeree come l’influenza. La trasmissione avviene da persona a persona presumibilmente attraverso goccioline di saliva.
Le infezioni da pneumococco sono più frequenti nel periodo invernale quando sono più frequenti le infezioni respiratorie.
LA VACCINAZIONE Esistono due tipi di vaccino antipneumococcico:

1. Vaccino coniugato eptavalente
Il vaccino è costituito da una parte della parete del batterio (rivestimento polisaccaridico) che per permettere la risposta immunitaria nei bambini al di sotto dei due anni viene legato (coniugato) con una proteina e per questo è chiamato vaccino polisaccaridico coniugato. Viene utilizzato nei bambini dai 3 mesi ai 5 anni, è altamente protettivo verso le malattie da pneumococco ma  conferisce una copertura solo nei confronti di sette tipi di Pneumococco.
Il vaccino è molto efficace nella prevenzione delle forme invasive della malattia ed ha un effetto positivo nei confronti di otiti medie acute e delle polmonite, inoltre con l’uso del vaccino si riduce nettamente l’utilizzo di antibiotici.
La vaccinazione, con vaccino coniugato, viene effettuata per via intramuscolare o per via sottocutanea secondo questo schema:
  • al di sotto dei dodici mesi di età 3 dosi (con intervallo tra le dosi di 0 - 2° - 6° mesi)
  • tra 12 e 23 mesi di età  2 dosi (con intervallo tra le dosi di 2 mesi)
  • sopra i 24 mesi di età  1 dose

2. Vaccino polisaccaridico 23-valente non coniugato
E' composto dai polisaccaridi dei 23 tipi più frequenti in causa e non può essere usato nei bambini al di sotto dei 24 mesi poiché i polisaccaridi non vengono riconosciuti dal sistema immunitario del bambino e quindi non si ha una adeguata risposta anticorpale. 
Il vaccino si è dimostrato efficace nel prevenire la batteriemia e la polmonite pneumococcia nei giovani adulti.
La vaccinazione viene effettuata per via intramuscolare in un'unica somministrazione.
In caso di rischio particolare, il vaccino può essere somministrato ai bambini superiori ai 24 mesi già vaccinati con il vaccino coniugato. 
La vaccinazione viene raccomandata ed offerta gratuitamente sia nell’infanzia sia nell’età adulta in soggetti con particolari condizioni di rischio:
  • anemia falciforme 
  • talassemia 
  • asplenia funzionale e organica. Malattie che comportino disfunzioni spleniche 
  • broncopneumopatie croniche 
  • asma bronchiale 
  • immunodepressione congenitas o acquisita 
  • pregressa forma invasiva da Pneumococco 
  • diabete mellito 
  • malattie renali croniche 
  • malattie cardiovascolari croniche 
  • prematuri(sotto la 34a settimana o peso inferiore a 1,5 kg alla nascita) 
  • impianto coclearie, shunt o fistole a livello cerebrospinale 
  • anziani di età superiore ai 65 anni 
  • soggetti istituzionalizzati di età superiore ai 50 anni.
La vaccinazione è inoltre praticata gratuitamente, a richiesta per la protezione del singolo, nella fascia di età 3 mesi - 3 anni.
 
CONTROINDICAZIONI
E PRECAUZIONI 
Controindicazioni specifiche: 
La principale controindicazione è aver avuto gravi reazioni allergiche gravi contro il vaccino o verso qualcuno dei suoi componenti.
Inoltre in caso di malattia acuta da moderata a grave è ragionevole differire la vaccinazione

INDIETRO